Dalla Singola Foto Al Progetto Fotografico| Workshop con Fausto Podavini

Location: Fondazione Cassa di Risparmio – Via San Micheletto, 3
Date: 30 novembre e 1 dicembre, 2019 – dalle 10:00 am to 5 pm
Prezzo: 300,00 € (il prezzo non include spese di viaggio, vitto e alloggio)


Descrizione:

Il Workshop è rivolto a tutti coloro che, professionisti o amatori, vogliano approfondire la fase realizzativa e progettuale di lavori fotografici a medio e lungo termine e a coloro che vogliano iniziare a pensare la fotografia come un racconto e non più legata solo al singolo scatto.

Cercheremo di capire cos’è una fotografia, cosa c’è dentro e cosa c’è dietro, così da comprendere più a fondo l’importanza di un progetto fotografico, affrontandone problematiche teoriche e pratiche. Attraverso esercizi teorici proveremo a sviluppare un’idea avvalendoci del concetto di mappa. Attraverso la visione di lavori e la discussione dei portfolio dei partecipanti, saranno affrontati tutti gli aspetti pratici della realizzazione di un reportage, ponendo particolare attenzione al linguaggio fotografico, alla sua traducibilità visiva, alla composizione come forma espressiva e all’editing come valore aggiunto di una storia.

Si prevede poi l’assegnazione di un tema da svolgere nei giorni precedenti al workshop, durante il quale i progetti realizzati verranno discussi, affrontando l’analisi critica del tema concentrandosi da un lato sui singoli scatti e dall’altro sul racconto complessivo, cercando per ognuno dei partecipanti di identificare una forma espressiva quanto più personale. La presentazione dei lavori del docente permetterà di conoscere aneddoti ed esperienze che hanno portato alla realizzazione di lavori a lungo termine e il processo sul campo che ha portato alla realizzazione delle singole fotografie.

MATERIALE: Non è richiesto l’uso della macchina fotografica. Ogni partecipante dovrà essere munito di un portatile.

ALTRO: Ogni iscritto dovrà portare un suo portfolio e l’assegnato che verrà realizzato 15/20 giorni prima dell’inizio del workshop.

Bio:

Nato a Roma, dove vive e lavora.
Inizia il percorso fotografico come assistente e fotografo di studio per avvicinarsi poi alla fotografia di reportage, fino a intraprende un percorso da freelance che lo vede collaborare con varie ONG per la realizzazione di alcuni reportage in Italia, Perù, Kenya ed Etiopia.
Nel 2009 inizia la sua collaborazione con il Collettivo Fotografico WSP, di cui è membro stabile dal 2010 e per il quale lavora anche come docente di fotografia di reportage.

Ha lavorato in Africa, Sud America e India, e realizzato importanti progetti anche sul territorio italiano, tra gli altri un reportage sullo sport per disabili, un lavoro all’interno di un carcere minorile e MiRelLa, un progetto sull’Alzheimer che gli è valso il primo premio nella sezione Daily Life del World Press Photo 2013. Nel 2017 è stato nominato “Reporter per la Terra” da Earth Day Italia. Nel 2018 ha vinto il World Press Photo con Omo Change, un progetto a lungo termine che l’ha visto impegnato per 6 anni tra l’Etiopia e il Kenya nella documentazione dei cambiamenti sociali e ambientali della bassa Valle dell’Omo a seguito della costruzione ed entrata in funzione della più alta diga di tutta l’Africa.

Predilige lavori a medio e lungo termine, che gli permettono di soffermarsi e approfondire in maniera unica le tematiche affrontate. Ha ottenuto numerosi riconoscimenti internazionali, oltre al World Press Photo (nel 2013 e nel 2018), il POYi nel 2016 e nel 2018, il Sony, l’Yves Rocher Grant, il PDN Storytelling, il Kolga Tiblisi.

I suoi lavori sono stati esposti in Italia e all’estero e pubblicati sulle più importanti riviste internazionali, tra le altre 6Mois, LeVie/LeMonde, GEO Espana, Stern, Internazionale, Donna Moderna, Espresso, D di Repubblica, National Geographic, Days Japan, GEO Germania, GEO Francia, Neue Zürcher Zeitung Magazine. Ha pubblicato il libro MiRelLa con Silvana Editoriale e nel 2019 Omo Change con FotoEvidence.

Insieme al giornalista Emanuele Bompan e alla ricercatrice Marisosa Iannella, fa parte del Water Grabbing Observatory, progetto di documentazione che ha come obiettivo quello di rilevare, analizzare, comunicare fenomeni sociali, ambientali ed economici legati ad acqua e clima, in Italia e nel mondo.


Articoli Simili