Michele Borzoni | Inshallah

© Michele Borzoni, Gerusalemme, 2012. Copti etiopi ortodossi celebrano il Sabato Santo
nella sezione a loro riservata della Chiesa del Santo Sepolcro. Il Patriarca armeno, quello
ortodosso e quello latino sono i tre custodi della Chiesa del Santo Sepolcro che è ulteriormente
divisa fra le varie confessioni cristiane
© Michele Borzoni, Gerusalemme, 2012. Copti etiopi ortodossi celebrano il Sabato Santo nella sezione a loro riservata della Chiesa del Santo Sepolcro. Il Patriarca armeno, quello ortodosso e quello latino sono i tre custodi della Chiesa del Santo Sepolcro che è ulteriormente divisa fra le varie confessioni cristiane

a cura di Renata Ferri

Michele Borzoni ha dedicato più di tre anni alle comunità cristiane del Medio Oriente, viaggiando in ogni singolo Paese, in momenti diversi, per concentrarsi sulla morfologia umana e geografica del territorio. Ha potuto conoscere e abitare i luoghi di questa indagine fotografica osservando la condizione attuale delle comunità là dove il Cristianesimo ha avuto origine. Il suo approccio è riflessivo. Introduce ogni luogo con immagini di paesaggi perfette, equilibrate, capaci di comprendere la natura stessa del territorio affidandosi alla scelta della luce, all’attesa di quella migliore che possa rendere allo spettatore l’atmosfera che lui stesso ha colto. L’indagine è approfondita attraverso la ripresa di momenti di vita privata, ritratti d’interni e gesti quotidiani che, come una punteggiatura, accompagnano lo spettatore a guardare ogni scena dove tutto è silenziosamente vita, ricca di dettagli che raccontano storie.
Solo se si guarda con pazienza, senza fretta, percependo atmosfere e scrutando dettagli, si ottiene la propria personale visione. Un invito all’osservazione, capace di indurre la riflessione.

(da un testo di Renata Ferri)


Articoli Simili