Joel-Peter Witkin

witkin

Joel-Peter Witkin (Brooklyn, USA, 1939) ha iniziato a fotografare all’età di 15 anni. Dopo il diploma, un lavoro in un laboratorio di stampa a colori a New York e il servizio militare, ha studiato presso la Cooper Union School of Art and Architecture e la University of New Mexico. Le sue fotografie sono grandi tableuax che rappresentano la sua personalissima visione del mondo. Dense di riferimenti alla letteratura, alla storia dell’arte e alla religione, rappresentano personaggi che vivono ai margini della società – nani, ermafroditi, persone con disabilità o deformità fisiche – o corpi mutilati e parti del corpo, presi nelle scuole di medicina, nei manicomi o negli obitori. Nelle sue immagini sembrano coesistere dipinti rinascimentali e fiamminghi, echi caravaggeschi e artisti del Novecento. Con estrema attenzione pianifica i suoi tableaux, tracciando degli schizzi e curando ogni dettaglio prima delle riprese in studio. Numerose le sue pubblicazioni, tra cui: Joel-Peter Witkin, A Retrospective (1995); Harms Way (1994); Joel-Peter Witkin, Twelve Photographs in Gravure (1994); Gods of Heaven and Earth (1989). Il suo lavoro è parte di prestigiose collezioni pubbliche:The Museum of Modern Art e il Metropolitan Museum of Art di New York, il J. Paul Getty Museum di Los Angeles, The National Gallery, the Victoria and Albert Museum di Londra e il Centre Georges Pompidou di Parigi. È stato insegnito del Commandeur d’Ordre des Arts et des Lettres de France, dal Governo francese.

Mostre dell'autore


Articoli Simili