Gigliola Foschi

Gigliola Foschi

Critico d’arte e delle fotografia, è laureata in Filosofia Estetica e insegna Storia della Fotografia presso l’Istituto Italiano di Fotografia di Milano. Ha scritto a lungo per L’Unità, Zoom e Photo, e attualmente per Camera Austria; Gente di Fotografia; doppiozero. Suoi saggi sono stati pubblicati in vari libri e cataloghi. Ha curato numerose mostre in spazi pubblici e privati tra cui: Portraits in Black (Scavi Scaligeri di Verona, 2006; Museo del Santo, Padova, 2007); Three generations of Italian artists facing time (Photo Biennale, Salonicco, Grecia, 2008); Memoria Variabile (Galleria Milano, Milano, 2011); per Fotografia Europea di Reggio Emilia le mostre collettive Al di là delle apparenze opache (2010) e La Giovine Italia… (2011). È consulente delle gallerie Paci Contemporary di Brescia e Podbielski Contemporary di Berlino per le quali ha anche scritto numerosi testi per i cataloghi della mostre. Collabora inoltre con la Galleria San Fedele di Milano, dove, dal 2004, ha curato numerose mostre tra cui Guido Guidi 19692004 (2004), fino alle recenti: Loris Savino – M.A.R.E. (2011); Michele Palazzi & Alessandro Penso – Migrant Workers Journey (2012); Aniello Barone – Igboland (2013). Nel 2013 ha inoltre curato le mostre: Paolo Ventura, Il teatro della memoria, FAR/Fabbrica Arte Rimini e Museo della Città (Rimini) e Massimiliano Gatti – Proximum Est, Palazzo Libera di Villa Lagarina (TN). Fa parte del comitato scientifico della fiera MIA (Milan Image Art, www.miafair.it) diretta da Fabio Castelli: la prima fiera italiana dedicata all’arte della fotografia e al video. Nel 2002 il Circolo Fotografico Sannita di Benevento le ha attribuito il premio “Oscar della fotografia” per la critica. È responsabile di “Portfolio Europa” per il Festival Fotografia Europea di Reggio Emilia.


Articoli Simili